Thursday Evening 

Sparkle in Grey:Thursday Evening

INTERVIEWS & ARTICLES

"Sparkle in Grey: in search of unfamiliar sounds", Igloo Magazine, Oct. 2013

A sort of introduction to Sparkle in Grey’s unique and hybrid-like musical universe, bringing to the fore a better appreciation about compositional motives as well as musical directions embodied by the collective.


REVIEWS & RADIO TRANSMISSIONS

Jan Kees Helms, Vital Weekly

Sparkle in Grey is an Italian group. Since 2005 they do their rehearsals every Thursday evening. Firstly a drive of 60 kilometers and then subsequently the members of the band drag up four storeys high the instruments and amplifiers. What an effort to leave the weekly stress of work behind Their latest album "Thursday Evening" is an ode to this weekly rehearsals. The title track begins with some seeking tones, melodies and rhythms are scanning the musical horizon and is evolving more and more. The members of the band Alberto Carozzi, Cristiano Lupo, Franz Krostopovic and Matteo Uggeri know how to to play their instruments. A mix of folk and samples makes this song to a great adventure .
"Thursday Evening" is a worthy successor to the album Mexico and sounds more mature and balanced. The adventure between shoegaze, electronic music, folk influences remained and seems more developed. In "The Piano Song" a ballad is approached. The harmony between piano, violin and bass is broken or challenged by the subtle field- recordings somewhere far in the background. The instrumental album starts with the song "Der Mauer" with a driving bass and drums, the violin and guitar solos support hypnotic which continues in the sequential number and evolves into an explosion of sound. The sampled beats and sounds are a refreshing contrast to the almost traditional occupation and approach to a post-rock band with folk influences. The alternation between subtly played songs and uptempo songs gives the listener the opportunity to go in different ways in different musical worlds.
All in all, "Thursday Evening" a beautiful musical adventure where musical boundaries are broken and musical worlds merge with each other. The music fits perfectly with that sense the artwork of the album and some samples which are calling to fight for a better and cleaner world. That will be possible by mixing traditional and progressive ideas and principles and takes off the best of it and that will lead o a better world. This record will be at least part of that world.

http://www.vitalweekly.net/898.html


Joseph Sannicadro, A Closer Listen

First up is the most recent LP from Sparkle in Grey, who’ve been relatively quiet since the release of Mexico in 2011.  Initially a solo project of Matteo Uggeri, Sparkle in Grey long ago expanded into a four-piece, rounded out by Alberto Carozzi, Cristiano Lupo, and Franz Krostopovic.  This line up has been relatively stable, however the group has not been shy about pushing their sound foreword. Mexico was one of the most (post)rock oriented records, featuring well-structured songs with memorable melodies, while earlier records such as Whale Heart, Whale Heart and Nefoldhis (a collaboration with MB) were less beat driven, more melancholic and introspective. In the time since Mexico, Uggeri has released several solo releases and collaborations (see below), and so it makes sense that his work with the band would foreground that band-ness. Thursday Evening is the continued refinement of this concept, relying more on electronics and drum programming than ever before. As before, their musical horizon is wide, and the inclusion of these new elements is a pleasant surprise, though initially I had to confirm I was listening to the right disc. But of course, after a few tracks there is no mistaking it, this is Sparkle in Grey; accessible, friendly experimental music without pretention.

Thursday Evening is perhaps their most overtly political album (just check out that angry mob of round people on the cover), though the band have always been socially consciousness. In an interview I conducted with them in 2009 they established Mexico as an imagined home in exile from the ‘bad side’ of Italy. They encouraged their fans to vote against water privatization and nuclear power in a 2011 referendum. The samples and titles make reference to climate change, ecological devastation, materialism, over-consumption, indigenous rights. The CD itself is inscribed with the following dictum: “When Injustice Becomes Law, Resistance Becomes Duty. Change What You Cannot Accept, Do Not Accept What You Can Change.” But Thursday Evening is also a very personal - not unlike politics. The title refers to the day of the week the band gets together to practice, a form of affirmation and escape from those same realities. And like the fantasy of Mexico, their call to arms seems to focus as much on the level of the imaginary as in any literal sense. On  the eponymous track, the dramatic violin build up is punctuated by a conversation about climate change and the problems facing the world, but the self-righteousness of the speaker betrays a slight uneasiness, as if he’s not quite sure what to do or where to focus. Well, back to practice then.

The term post-rock continues to be bandied about, but if that reference makes any sense here it is making reference more so to ‘90s UK artists like Bark Psychosis then any of the more recent crop of bands taking refuge under that umbrella. The album features three covers, though really these versions are quite radical departures from the originals. The choice of covers betrays the bands interests (and their excavations of the experimental and Industrial scene from the past.) There’s “Of Shift Flight” by Empyrical Sleeping Consort, “Soft City” by Bourbonese Qualk, and “Piano Song” by The God Machine. All fairly underground artists with cult followings, yet mostly unknown to me (perhaps some of my older colleagues care to shed some light?). This is something I very much enjoy about Sparkle in Grey, their great ability to mine the depths of their musical influence and share that with us, while also remaining utterly and indisputably themselves. Though serious in its aims, there is a quality of playfulness and lightness that permeates Sparkle in Grey’s work. The group are enjoying themselves, and they transmit that through their sounds. I’d compare aspects of the rhythms present on Thursday evening to Industrial music, and certainly their influences back this up, but their music has as none of the aggression, or at least it’s quite tempered by their insistence on always finding the silver lining.

http://acloserlisten.com/2013/12/10/old-bicycle-records-sparkle-in-grey-nino-muitomatteo-uggeri-stefano-de-ponti-and-tape-crash-6-7/


Max Reinhardt, Late Junction - BBC Radio 3

(Song for Arch Stanton, 11th September 2013)

Nitin Sawhney: Dead man
Rev. Gary Davis: Lord I wish I could See
Erol Josué: Hounto Legba
Микаэл Леонович Таривердиев: Микаэл Леонович Таривердиев
Emily Barker: Sleeping Horses
Performer: Emily Barker. Performer: The Red Clay Halo.
Ludwig van Beethoven: "Diabelli Variations" Op. 120 - Variation. 14: Grave E Maestoso
Performer: Alfred Brendel.
Bulgarian Traditional Pilenze Pee, Govori
Ensemble: The Philip Koutev National Folk Ensemble.
Bulgarian A Capella, JVC/VICTOR ENTERTAINMENT INC, 1
Nino Rota: O Venezia, Venaga, Venusia
Antonio Pinto: Convite Para Vida
Performer: Seu Jorge. Ensemble: Pastoras da Mangueira. Composer: Ed Cortês.
Joachim Kuhn & Kouassi Bessan Joseph: Voodoo Sense
Seamus Fogarty: Carlow Town
Fire!: At Least On Your Door (Without Noticing)
Sparkle in Grey: Song For Arch Stanton (Wire Tapper Edit)
Psilosamples: Meteorango Kid
Daora: Underground Sounds of Urban Brasil, Mais Um Discos, 15
Anatoly Kroll: 'Anxious'
Alasdair Roberts: Song Composed In December
Brian Eno: No One Receiving
Sylvester Weaver: Guitar Rag
Jamaican Traditional Medley (Dalvey Gal, Parson)
Performer: Count Lasher's Calypso Quintet

http://www.bbc.co.uk/programmes/b039q10c


Twilight, Guts of Darkness

Qu'est-ce que c'est que ce truc qui débute de manière aussi lancinante que du Portishead les beats syncopés en moins ? Et ces violons, ils ont quelque chose de Tuxedomoon dans leurs gémissements... Plus, ça évolue, plus c'est du côté du post rock que l'on louche. La réponse à l'énigme est originaire de Milan et a pour nom Sparkle in Grey, un projet démarré comme électronique avant l'adjonction d'instruments acoustiques et de structures plus complexes. Dès lors, le collectif va multiplier les collaborations inattendues: Maurizio Bianchi, Matt Shaw... 'Thursday evening' n'est rien de moins que le fruit de la collaboration de quatre petits labels, deux suisses (dont Show Me Your Wounds) et deux italiens. Pas évident de décrire cette musique nonchalamment rythmée par ses beats électroniques sur lesquels se posent des montées progressives de violon (un travail remarquable), laissant cohabiter en son sein mélancolie et dynamisme, modernité et influences psychédéliques. Exclusivement instrumentale et, selon mes sources, parfois improvisée, la musique de Sparkle in Grey charme et hypnotise par sa fluidité un peu floue, ses harmonies subtiles et discrètes qui raviront également les nostalgiques de progressif ouverts à une audace futuriste.

Pas d'esbroufe gratuite pour autant, malgré le talent des musiciens, le projet axe sa démarche sur des arrangements dépouillées, des orchestrations planantes et aérées où chaque instrument peut assurer sa part sans étouffer. Trois reprises quand même et surprenantes (Bourbonese Qualk, God Machine et Empirical Sleeping Consort), voilà qui en dit long aussi, non ? Goûtez la mélancolie de 'Of swift flight', cinématographique en diable, 'Song for Arch Stanton' avec sa rythmique club défiée par des tentations post punk qui ne vainquent jamais, sans oublier certains passages plus exprérimentaux mais jamais trop.

Complexe et décomplexé, diurne et nocturne, triste et punchy, classique et novateur, électronique et acoustique, cet album porte tous ces paradoxes en ses sillons et les assemble en quelque chose de totalement fluide. Aussi énigmatique que sa pochette. (vendredi 20 décembre 2013).

http://www.gutsofdarkness.com/god/objet.php?objet=16575


Anthony Ettorre, Distorsioni

La storia degli Sparkle In Grey è storia contemporanea. Questo loro nuovo capitolo, dopo tre album e svariate collaborazioni, tra cui una eccellente con il maestro Maurizio Bianchi, è una sorprendente prova di vitalità creativa. “Thursday Evening” è un avvicendarsi di profonde fluttuazioni emozionali appassionatamente sviscerate in 9 tracce. L'estetica musicale del quartetto brianzolo è matura proposizione di suggestioni strumentali, le più eterogenee. Soundtrack di un immaginario superlativamente descritto, ineccepibile nella sua dinamica emozionalità. La sperimentazione libera la mente e lascia spazio al sogno, sorprendendoci con un saggio di intensa ed elegante psichedelia. Elettronica di ispirazione kraut, sezioni di archi, groove di ossessivo post-punk, prog-rock intimista, ipnotismo e trasporto, sono solo alcuni degli elementi del cosmo di Thursday Evening. I 4 brillanti cavalieri del post-rock italico sfoderano tutte le loro velleità creative dando forma ad un lavoro corposo e sorprendentemente sobrio. L'esplorazione scruta paesaggi sonori in continua trasformazione attraverso un'orchestrazione priva di alcuna minima incertezza. 

Le cover dei non così noti Empyrical Sleeping Consort o The Bourbonese Qualk, oltre ad un prezioso omaggio ai God Machine, sono la prova che le strade intraprese dagli Sparkle In Grey sono prive di alcuna attitudine prevedibile o preconfezionata. L'intero lavoro è una sorta di celebrazione di una moderna psichedelia, mutante e avvolgente. La splendida grafica di copertina, raffigurante una “colorata” protesta di omini armati di sassi e bastoni, implica un certo spirito militante dell'intero disco eppure, come ci suggerisce il loro comunicato «nei brani non ci sono slogan, ma solo sporadiche voci campionate, impronte, segnali, citazioni per chi  vuole coglierle, messaggi da decodificare...». L'importante è ascoltare, l'importante è fare. Appartenere ai circuiti underground, in questo paese, è quindi una condizione da sottoproletari dell'arte che gli Sparkle In Grey conoscono benissimo. E il loro incontenibile cosmo interiore lo rivendicano con una incisività unica. E' da segnalare il fatto che ad ogni copia del disco è allegato un sassolino, il cui uso è a discrezione dell'ascoltatore. Gli Sparkle In Grey sono Alberto Carozzi, Cristiano Lupo, Franz Krostopovic e Matteo Uggeri. Lunga vita agli Sparkle In Grey!

http://www.distorsioni.net/rubriche/oggetti-smarriti/thursday-evening


Giovanni Rossi, Industrial [r]evolution - PT.2

Tra i dischi dell'anno per il 2013

Gli Sparkle In Grey non finiscono mai di stupire. Quando pensi di averle ormai sentite tutte con un capolavoro come "Mexico", ecco che ti piazzano tra capo e collo questo strabiliante "Thursday Evening". Come descriverlo senza incappare in tutte le figure retoriche in circolazione? Un album ricco di suoni, dettagliato fino al midollo, con arrangiamenti che difficilmente avrete già sentito altrove. Delicato, orchestrato con i suoni del quotidiano, ritmicamente armonioso, cesellato negli anfratti di fiati, corde e pelli, un compendio indispensabile di come si può comporre una musica originale e personale che al contempo sa essere empatica ed emozionante come poche. Immensi.
 
http://industrialrevolution-gr.blogspot.ch/?m=1


Giovanni Rossi, Industrial [r]evolution - PT.1

Nel loro comunicato stampa gli Sparkle in Grey si chiedono per quale motivo dovrebbero continuare a faticare le proverbiali fatiche di Ercole per potersi dedicare alla loro passione in un paese, aggiungo io, che non sembra capace di riconoscere la musica se non attraverso stereotipi commerciali.
Ma per fortuna la loro risposta arriva sotto forma di musica, condita anzi da una voglia di fare ancora più inarrestabile che mai. Il corredo di archi, fiati, piano, percussioni è molto semplicemente da antologia, perchè "Thursday Evening" è un tuffo in un immaginario sonoro di derivazione concreta, ambientale, folk, un qualcosa di inclassificabile nella sua unicità. Con un racconto dettagliato di come è nato, il gruppo ci introduce nel cuore del suo lavoro.
Gli Sparkle in Grey compongono in modo intelligente, ispirato, sapiente, genuino e provocatorio, esattamente come il sasso che allegano al cd, con la richiesta all'ascoltatore di pensare cosa farne. Arrangiamenti superbi e produzione raffinata e discreta per una release da avere.

http://industrialrevolution-gr.blogspot.ch/


Massimo Ricci, Touching Extremes

In spite of the inclusion of three covers – one of them is “Soft City” by Bourbonese Qualk, a group that had almost been removed from my systems of retentiveness – and several agile examples of misrepresentation of effortless melodies, Sparkle in Grey do possess a somewhat jocund decency that makes listening to their stuff a pleasure. If I’m allowed to add a couple of names to the hypothetic influences – or mere “blurred similarities” – detected in Thursday Evening the temptation is that of choosing Dif Juz and – in part– Tuxedomoon (the latter comparison facilitated by certain violin tones by Krostopovic, vaguely reminiscent of Blaine L. Reininger’s string pronunciation). Without apparent artificiality, just by adding cell upon cell of cyclical pulsation amidst proportionate dosages of deceptive organicity (nice use of spoken snippets, by the way), the quartet prompts us to shuffle our feet and fight existential inertia by increasing our mental and physical action. The record’s manifesto is in fact a direct reference to the passion brought forth during the act of making music; the title indicates the band’s day of rehearsal. This is meant as a solution to defeat the grievous perception of being enslaved to something that’s not clearly outlined. A sensation that is hitting every sensible Italian quite hard in the last years; it is comforting to find out that someone with a modicum of consciousness has remained on these shores, after all.
 
http://touchingextremes.wordpress.com/2013/07/30/sparkle-in-grey-thursday-evening/


Giovanni Linke, Il Mucchio

Best of 2013

Austra – Olympia
Autechre – Exai
Boards Of Canada – Tomorrow’s Harvest
David Bowie – The Next Day
Tim Hecker – Virgins
Julia Holter – Loud City Songs
Manic Street Preachers – Rewind The Film
Oneohtrix Point Never – R Plus Seven
Rhye – Woman
Sparkle In Grey – Thursday Evening
 
http://ilmucchio.it/articoli/musica/best-of-2013-2/


Philippe Blache, Igloo Mag

Sparkle in Grey is a truly original musical collective and leading figure in the realm of chamber-post rockin’ / avant-garde electronica. Formed in the late ’90s by the sound designer and multi-instrumentalist Matteo Uggeri (Hue), this project rapidly became a team work with the presence of a bunch of trained musicians (Alberto Carozzi, Cristiano Lupo, Franz Krostopovic) The musical signature encompasses an obvious chamber-like music dimension including a colorful and dense world of drones, textures, sketches and articulated noise frequencies. Totally instrumental and partly improvised, Sparkle in Grey’s unique musical signature oscillates between dream-pop rockin’ melodious intimacy and picturesque abstract electronic experimentalism. If their previous titled Mexico was a radical and sympathetic immersion into almost soundtracky ambiences with some shoegazing electronic moments, Sparkle in Grey’s new album is a more enigmatic-complex-visionary and darkly psychedelic effort.

The ensemble is enthralling, melancholic and ecstatically punchy. A real innovative musical artifact which starts with the freely improvised jamming psych minimalist “Der Mauer”. It carries on with the heavily and super-hypnotic “Boiling Humiliations” which goes into a rare blissed-out effervescence, made of raw guitar tricks melted into collages sounds and noisy sound manipulations. “Of Swift Flight” introduces the listener into a nightly flowing musical dreamy-like ballad made of acoustic instrumentation and processed tonal colors (the general atmosphere reminds partly the minimalist sounding pastoralism of Moondog’s chordal pieces or Third Ear Band at their most eerily acoustic vibes). “Song of Arch Staton” shows an other facet of the band’s very own creativity with a merciless, almost goth-batcaving drone ritualism sustained by heavily processed sounds and bombastic hypno-ish programmed electronic beats. A hauntingly and ferociously psychedelic gloom-pop avalanche. The track ends up with highly intense and darkly emotional vibes. “Soft City” pursues a singular combination between almost death-rockin’ guitar patterns and a moodily psych electronic instrumentation. Is a detached and aerial folk-ish interlude sustained by deep bass lines and dreaming epic-wandering sounding qualities (made of field recordings, violin drone laments and guitar notes). “Piano Song” is a softly sentimental and touching air for the piano, violin and bass guitar. “Der Harbour” closes the album with a ravishing post-rock improvisation—weirdly cinematic, punchy and delicately made with an impressive crescendo.

With this magnificent album the Sparkle in Grey musical collective demonstrates once again their instrumental ability and brilliant sense of composition to ravish our listening experience. A magmatic, unaltered, interlocking and mind-blowing release that transcends and defies clearly bounded musical frontiers in order to conceive a seriously dreamy sound tapestry, an energetic musical trip which is mysteriously lovely and constantly charming. Absolutely essential for all adventurous listeners and those who love challenging electronic-rock music at its pick of creativity. With its unbelievable musical enthusiasm and magic moments, Thursday Evening can be easily regarded as a major accomplishment.

http://igloomag.com/reviews/sparkle-in-grey-thursday-evening-grey-sparkle


Claudia Genocchio, Sodapop

Buffo che mi accinga a scrivere del nuovo disco degli Sparkle in Grey proprio un giovedì sera, proprio quando "le fatiche della settimana sono quasi al culmine, ma il weekend non è ancora dietro l'angolo", ancora più buffo come i personaggi che caratterizzano le cover dei loro lavori (per questa occasione ritratti in colori fluo contrastanti il nero sfondo), a una prima e distratta occhiata, mi sono parsi un'allegra folla festaiola mentre, visti da vicino, risultano un gruppo discretamente rabbioso e grossolanamente armato, capeggiato da un omino che sembrerebbe in posa da John Travolta ne La Febbre Del Sabato Sera se non fosse che ha un sasso stretto in una mano, un'espressione quasi triste e molto perplessa e che del suddetto film ha solo il disagio e, probabilmente, la sensazione di sentirsi molto insoddisfatto della sua vita attuale. Una specie di moderna (ahinoi) e sentitissima versione di 'quel' quadro di Pellizza da Volpedo dove la protesta sociale è fatta da gente in cravatta e borsello, ma anche da chi è in carrozzella e maglietta di Emergency, mentre gli Sparkles usano i loro strumenti per prepararsi a combattere. Si potrebbe disquisire più o meno amabilmente delle analogie che si potrebbero trarre dal binomio strumenti musicali-arma (soprattutto culturale, soprattutto contro la cultura che sembra dominante oggigiorno), ma parliamo anche del motivo principale per cui tutta 'sta gente (i quattro e altri amici come i fratelli Serrapiglio) si continua ad incontrare ogni giovedì sera dal 2005 affrontando stanchezza e chilometri: Thursday Evening è un disco che, come i precedenti, mi riempie di stupore per le forti emozioni che riesce a suscitarmi. Le nove tracce sono completamente avvolgenti e segnano diversi percorsi più o meno sottili - Piano Song, una cover dei God Machine - o marcati e grevi - Der Harbour, Song For Arch Stenton, Der Mauer (intensissima e costruita intreccio su intreccio) -, ma sempre capaci di lasciar trasparire un mondo, un'immagine mentale di quale storia potrebbero rappresentare e di suscitare curiosità nei confronti delle sporadiche frasi campionate e dei titoli che, in teoria, riassumono il tema della canzone, ma, in una realtà strumentale, lasciano ampio spazio alla libera interpretazione e contemporaneamente tendono a legarmi a domande sui significati originali intesi dagli autori. Tendenze ossessivo-compulsive a parte, il quartetto che prova in terra brianzola (ad Arcore. Vorrei trovare un significato 'partigianesco' anche in ciò, ma cercherò di risparmiarvi) ha dato l'ennesima prova (di cui non c'era bisogno alcuno) di eccellenza. Che gran bel disco.

http://www.sodapop.it/


Achim Breiling, BabyBlaue

Auch das Cover des 2013 veröffentlichten Sparkle-In-Grey-Albums "Thursday Evening" wurde von Bandkopf Matteo Uggeri gestaltet. Was auf den ersten Blick wie eine Kinderzeichnung einer bunten Menschengruppe aussieht, entpuppt sich nach genauerem Hinsehen als eine offensichtlich wütend protestierende Volksmenge, die sich mit allerlei Gegenständen bewaffnet hat. Auch die auf dem Silberling und unter dem CD-Klemmer zu findenden Texte ("change what you cannot accept, do not accept what you can change", "when injustice becomes law, resitance becomes duty" und "keep angry and fight back, they own us more than a living") deuten an, dass die Band aus Mailand hier gewisse sozialkritisch-politische Aussagen tätigen will.

Allerlei Gesellschaftskritisches ist auch in den Gesprächsfetzen, Interviewfragmenten und Ausschnitten aus Reden zu finden (soweit man es verstehen kann), die im Hintergrund der Musik immer wieder durchs Klangbild huschen. Gesang mit irgendwelchen imperativen Texten gibt es allerdings nicht. Auf der Rückseite des Digipacks ist dann noch ein beleibter Herr im Unterhemd zu sehen, auf dem (dem Unterhemd!) in dicken Lettern "siate massa" (ihr seid die Masse) steht, was wohl - zusammen mit den weiter oben erwähnten Parolen - dazu auffordern soll sich nichts gefallen zu lassen und seine Meinung zu sagen.

Man könnte das Albumkonzept aber auch als Parodie auf "Politrock" interpretieren. Uggeris Zeichnungen sind eher von der humorvollen Sorte und die künstlerische Darstellung der in Punk-Manier destruktiv ihre Instrumente schwingenden Band auf der Innenseite des Klappcovers deutet eher an, dass das alles nicht so Ernst gemeint ist. Das drollige, ängstlich umschlungen auf einer Couch sitzende, den Betrachter furchtsam anstarrende Pärchen unter dem Klemmer könnte dann die durchschnittliche Reaktion der Masse auf Band und Musik zeigen.

Alles in allem unterscheiden sich die auf "Thursday Evening" zu hörenden Klänge nicht sehr von der auf den beiden Vorgängeralben zu findenden Musik, auch wenn diese wieder etwas anders zusammen gebraut wurden. Punk und Wave haben gewisse Spuren auf dem Album hinterlassen. Ein Stück sperriger, elektronischer und freiformatiger scheint mir die Musik im Vergleich zu "Mexico" deshalb ausgefallen zu sein. Gleichzeitig sind etwas mehr folkig-klassische Momente als auf dem Vorgänger auszumachen. Zumindest ist Krostopovics Violine etwas klangbestimmender eingesetzt als dort.

Wie auch immer, ein sehr eigenes Gemenge an Postrock, Elektronik, Kammerrock, Retro-Wave und einer Prise Punk kommt hier aus den Boxen, sehr farbig instrumentiert, angereichert mit allerlei Klängen, Geräuschen und Stimmfragmenten, das mal sperrig, rhythmisch und dynamisch, mal getragen und ruhig voran gleitet. Uggeri und Kollegen bauen somit weiter kreativ, farbig und vielschichtig an ihrer ureigenen Klangwelt, für die man wenige brauchbare Vergleiche anbringen kann. Wer progressiven, kammerrockig-punkigen Postrock mit deutlicher Elektronikkomponente schätzt, der sollte auch "Thursday Evening" kennen!

http://www.babyblaue-seiten.de/index.php?albumId=14885&content=review


Richard Hawey, Profil - PT.2

SPARKLE IN GREY est une formation italienne formée à Milan vers la fin des années 90 par Matteo UGGERI. Le groupe intègre plus tard Cristiano LUPO, Alberto CAROZZI et Franz KROSTOPOVIC. SPARKLE IN GREY offre une musique éclectique mélangeant le post-rock ambiant avec quelques éléments de folk très intéressants. Cet univers musical original et personnel nous donne l’impression d’un rêve et que chacun des titres est un moment tiré de ce rêve. « Thursday In Evening » est leur troisième album et je l’ai découvert un peu par hasard sur Progstreaming.

Je peux tout de suite vous dire, « Thursday In Evening » demande une écoute particulière. Le premier titre « Der Mauer » s’ouvre avec quelques effets, mais tout de suite le style particulier du post-rock se fait entendre, guitare répétitive sur fond de violon. La guitare basse y va à son tour d’accords répétés, le rythme s’accélère mais pas pour longtemps. Ce titre est assez envoutant et hypnotisant. « Boiling Humiliations » est une des pièces que j’aime, avec sa montée en puissance et le jeu du violon et de la guitare qui écorche au passage. Les effets électroniques sont l’entrée en matière de « Song for Arch Stanton », le rythme est simple mais ce qui l’entoure est gorgé de sonorités où s’entremêlent divers instruments, à cet instant je suis perdu mais le calme revient avec la basse et le sax, il faut que je réécoute car elle n’est pas facile celle-là. « Der Harbour » est la plus longue de l’album et celle qui clôt l’album. Le début me fait penser à du Talking Head, le rythme est bon et l’entrée plus marquée de la batterie ajoute au feeling. 

Le monde de la musique offre une multitude de choix à ceux qui désirent les découvrir. Si votre curiosité musicale n’a pas de borne réellement définie et que vous avez l’esprit ouvert SPARKLE IN GREY devrait répondre à vos besoins. Selon les goûts « Thursday In Evening » peut s’écouter facilement en fond sonore ou en écoute active. Il y a plusieurs petites perles musicales sur cet album et elles sont interprétées de façon géniale. Elles ne demandent qu’à être découverte.

http://profil.jimdo.com/chronique-la-totale-4-review/


Ricahrd Hawey, Profil - PT.1

Feuille de Route du 12-01-14/ Playlist 14-01-12 - Émission 913

Deafening Opera: Dripping Hot Chocolate
Nemrud: In My Mind
Jeremy & Progressor: Future Flight
Kerrs Pink: Slaves of the West
Frequency Drift: Memory
Transatlantic: Into the Blue
Sparkle in Grey: Song for Arch Stanton
Sound of Contact: Möbius Slip

http://profil.jimdo.com/les-feuilles-de-route-de-profil-playlist/


Amanda Sirtori, Shiver

Un ritmo meccanico e inumano, la linea di un basso ripetitivo e poi il crescendo malinconico del violino. In “Der Mauer” la costruzione è composita, come se il muro fosse stato costruito con mattoni di materiale diverso. Ora più solidi, ora più friabili, uniti dalla malta, cementati dal sentimento.

Thursday Evening, il nuovo lavoro degli Sparkle in Grey, riesce a creare nove rani terreni: non astrazioni sognanti o agheggiamenti lisergici. Tutte le canzoni della band brianzola affondano i piedi nel terreno incolto, una terra di nessuno proprio come quei giovedì sera in cui i membri del gruppo si incontrano dal 2005. Nei loro strumenti affiora un senso di realtà che neanche le parole riescono a spiegare. La combinazione di elementi elettronici, elettrici e tradizionali non nasce da una lotta ma da un dialogo di anime. Il ritmo, gli effetti sonori e gli inserti vocali orientano i sensi dell’ascoltatore. Ad esempio in “Of Swift Flight” tra l’elettronica e le tastiere interviene il violino a stabilire il nord. Indirizza le note verso una melodia drammatica che si infrange sulle onde del mare. Anche nella titletrack è il violino a chiamare attorno a sè gli strumenti, incantatore raccoglie le chitarre, i frammenti di pensieri e dialoghi e li guida su un terreno pianeggiante ma non privo di insidie. La passeggiata contemplativa si trasforma in corsa concitata sottolineata dalle percussioni e dalla fisarmonica. Il ritmo elegante di “The Piano Song” ingloba piccoli rumori di sottofondo, una porta che si chiude, delle chiavi che tintinnano, piccole imperfezioni, piccole schegge di realtà, voluta e ricercata. La lunga composizione “Der Habour” chiude il percorso con un ritmo guidato dalla batteria e dalle percussioni.
Un ritmo sanguigno, un martello che vuole disgregare il muro. Separare i pezzi e ricombinarli, dando un nuovo schema, una nuova priorità.


http://www.shiverwebzine.com/



Stefano Pifferi,
SentireAscoltare

Forse la cover di Piano Song dei mai dimenticati God Machine può spiazzare, così delicata ed evanescente al limite dell’esangue. O forse no, se si (è) entra(ti) a fondo nel progetto Sparkle In Grey. Malinconia in dosi massicce a parte, quello che emerge dalla fedele rendition del classico dello sfortunato trio americano - e che prendiamo come chiave di volta per scardinare l’architettura di Thursday Evening - è l’eleganza di fondo, la ricercatezza strutturale e il perfetto equilibrio tra gli elementi, oltre che un gusto particolare per le “seconde linee” (ci perdoni Robin Proper-Sheppard) del rock che premia da subito il quartetto lombardo.

Gli Sparkle In Grey sono - possiamo dirlo con certezza, ormai, alla luce del terzo album lungo più una miriade di split e lavori collaborativi - uno dei gruppi più eleganti che si possano incontrare nel panorama italiano. Hanno di fondo una delicatezza, una attenzione tale, diremmo quasi maniacale, al cesello e al dettaglio anche impercettibile, che le loro composizioni potrebbero essere tranquillamente assimilabili a partiture classiche, nonostante i quattro traffichino con generi della modernità come il rock in opposition, il post-rock più o meno umbratile e orchestrale, l’art-rock colto e volubile.

Thursday Evening è un lavoro denso di mille riferimenti e di mille sassi gettati nello stagno dai cui cerchi concentrici si sviluppa una visione d’insieme che assume di volta in volta toni e gradazioni diverse: ora docilmente cameristica e pronta a sfaldarsi verso lidi etno-world (Thursday Evening (Ieri)), ora ispirata a abissi dub-wave, ora più corposa e noisy, quasi a giocare con lande cosmiche alla maniera dei nuovi corrieri, ora astratta minimal-techno in divenire (Song For Arch Stanton). Altrove emergono svisate post-rock su architravi white dub (Der Maurer) o eleganza orchestrata alla maniera del giro canadese (una Boiling Humiliations tra beat digitale e sensibilità umana), elementi che ci fanno venire in mente misconosciuti eroi sotterranei come i Bark Psychosis. Ma prendeteli solo come vaghi punti di riferimento questi nomi e queste suggestioni, fugaci indicazioni in una galassia in continua espansione ed evoluzione che trasuda classe e ricercatezza anche nella scelta delle altre due cover: che sia ricaduta su due outsider come Borbounese Qualk (la bellissima Soft City) e Empirical Sleeping Consort (il soffuso andamento ipnotico di drones e violini di Of Swift Flight) ci dice molto sulla ricerca sonora compiuta da Alberto Carozzi, Cristiano Lupo, Franz Krostopovic e Matteo Uggeri. Quando si dice che accessibilità e sperimentazione possono convivere, non si può non pensare a dischi del genere.

http://www.sentireascoltare.com/recensione/11789/sparkle-in-grey-thursday-evening.html


Simon Crab, Bourbonese Qualk [via private mail]

Very nice. I think the version you did of 'Soft City' is better than the original... maybe I'll do a version of the version (and so-on).

Nice album...'Der Mauer' is current favourite.

Thanks for the stone. All the best,

Simon

http://bourbonesequalk.net/


Renato Scuffietti, Radio Popolare

"Album stupendo."


..., ...

...


The Wire

"Song for Arch Stanton" featured on The Wire Tapper #32 (August/July 2013)



http://thewire.co.uk/archive/issues/25667/the-wire-tapper-32


Information Overload, Kalx Radio, Berkeley

10/10/2013
12:58am F/LOR - "The Hunt" - Blackflakes (Prohibited)
12:54am German Shepherds - "THC" - Music For Sick Queers (Superior Viaduct)
12:50am Factrix/Control Unit - "Slip On My Skull" - Elegy For Rusted Souls (Backwards)
12:41am Test Dept - "Faces of Freedom 3" - Faces of Freedom 1,2,3 (Some Bizzare)
12:33am Etat Brut - "Sollicitation Exterieure" - Mutations Et Protheses (Sub Rosa)
12:29am Carmen Villain - "Obedience" - Sleeper (Smalltown Supeersound)
12:23am Tangerine Dream - "Vengeance" - Sorcerer (MCA)
12:19am Goblin - "Witch" - The Fantastic Voyage of Goblin (Cherry Red)
12:15am Stained Afro - "Supplemental Shale" - Supplemental Shade EP (Must Die)
12:10am Sparkle in Grey - "Song For Arch Stanton" - Thursday Evening (Grey Sparkle)
12:06am Anna Steiden & chra - "24 Hours Bells Dub" - Comfortzone Crystalized (Comfortzone)
12:02am Fuck Buttons - "RB/Out" - street horrrsing (atp/r)

http://kalx.berkeley.edu/programs/information-overload?quicktabs_1=1


Ferruccio Filippi, Darkroom

"Siate massa" è il motto che campeggia, beffardo e minaccioso, sui personaggi che popolano la copertina di "Thursday Evening", il nuovo album di Sparkle In Grey. Essere massa per difendersi da un mondo esterno sempre più omologato e piatto, che azzera coscienze e culture diverse in modo da creare un impasto monocolore dal sapore insipido e senza futuro. Essere massa per difendere quelle poche cose che abbiamo, quegli spiragli di libertà che sono rimasti. E forse non c'è mezzo migliore della musica, quella vera e non costruita a tavolino, per diffondere una coscienza nuova o, al limite, una nuova presa di coscienza. I quattro incursori, coadiuvati dalle preziose mani di Mario Bossi (Tasaday e molto altro) e Andrea Serrapiglio (collaboratore di gente del calibro di Carla Buzolich, Scott McCloud e Current 93), si gettano anima e corpo in un'impresa difficile ma affascinante, ovvero unire qualità musicale a messaggio sociale, rabbia a bellezza formale. "Thursday Evening" contiene germi di post-rock, scorie industrial, trattamenti elettronici, campionamenti strani di strumenti acustici, ma è inoltre un concept che va apprezzato anche attraverso la parte grafica. La copertina, ad esempio, è un piccolo capolavoro: i manifestanti stilizzati sembrano ognuno rappresentare una fascia sociale, un tipus sociologico diverso, ma anche uno stato d'animo diverso. Si va dalla casalinga all'anarchico, dalla mamma allo studente, dal professionista al bifolco. E alcuni visi sono contorti dalla rabbia, altri dalla disperazione, altri dall'impossibilità di poter cambiare lo stato delle cose. "Thursday Evening" è lo specchio dei nostri tempi, del nostro Paese umiliato dalla strafottenza della corruzione, incapace di risollevarsi, desideroso, forse, di una radicale purificazione. La scelta delle tre cover presenti pesca nel passato dell'underground più nascosto, con gli avanguardisti Empirical Sleeping Consort e Bourbonese Qualk e i magnifici - ma ahinoi effimeri - The God Machine. Queste nuove nove tracce degli Sparkle In Grey hanno il sapore di una rivolta mentale più che fisica, una rivolta piena di paure per un futuro incerto. Ma, forse, è meglio bruciare di fiamma viva che spengersi lentamente...

http://dagheisha.com/prod/music/reviewCd.jsp?idCd=7523


Federica Rocchi, Daigesha

Bizzarre movenze, andamento sconsiderato. Prosegue il percorso dei lombardi nell'universo musicale e la loro elitarietà è evidente fin dalle cover proposte. 'Soft City' celebra i Borbounese Walk e 'Of Swift Flight' degli Empirical Sleeping Consort affianca la stupenda 'Piano Song' dei God Machine. Sperimentazione elettronica e ricerca pop continuano ad essere punti di riferimento grandiosi nella visione globale del progetto di Matteo Uggeri che, insieme a Andrea Serrapiglio, ha dotato le composizioni di una produzione adulta curando gli arrangiamenti nei minimi particolari. E' questo che sorprende più di ogni altra cosa degli Sparkle In Grey. Si percepiscono suoni e orchestrazioni alt rock per poi essere investiti da retaggi noise edulcorati. Si intravede il desiderio di ritagliarsi spazio nello scenario indie ma allo stesso tempo si colgono droni, influenze dub e new wave, stacchi melodici dissonanti che mostrano un approccio refrattario alla celebrità. 'Der Mauer' apre le danze con lucidità e tensione, i roundmen che costellano l'artwork diventano ossessioni e gli umori aggressivi di 'Boiling Humilations' e 'Song For Arch Stanton' spiccano in una scaletta coesa. In attesa degli annunciati 'The Calendar' e 'Brahim Izdag' non certo un ascolto banale.

http://dagheisha.com/prod/music/reviewCd.jsp?idCd=7523


Lino Brunetti, Buscadero

Pur senza pronunciare una sola parola – se non qualche voce sparsa proveniente dai campionamenti che come sempre costellano le loro canzoni – Thurstday Evening, il nuovo disco degli SPARKLE IN GREY, si profila istantaneamente come disco politico, vera e propria reazione ai tempi che ci troviamo a vivere. Lo fanno pensare i personaggi arrabbiati e riottosi che costellano copertina ed artwork dell’album, tra cui la band stessa, la scritta “Siate massa” sulla maglia di uno di questi personaggi, alcune frasi riportate sull’etichetta del CD: Quando l’ingiustizia diventa legge, la resistenza diventa un dovere. Cambia ciò che non puoi accettare, non accettare ciò che puoi cambiare. Soprattutto lo fa pensare la musica qui contenuta, tale da mettere il quartetto sullo stesso piano di un gruppo quale Godspeed You! Black Emperor, da sempre ultra politicizzati attraverso una musica solo strumentale. L’ensemble canadese, in qualche modo, viene in parte richiamato anche musicalmente, quantomeno nel pezzo che apre il disco, Der Mauer, dove un violino elegiaco e venato di plumbea amarezza si stende su un rotolare ritmico teso. Il tutto dà l’idea di una marea che sale, della rabbia delle masse che incombe sui detentori del potere. Gli Sparkle In Grey, dovendo proprio sintetizzare in una formula la musica che suonano, potrebbero essere definiti una band post-rock. Ma sarebbe una definizione limitante: oltre a non seguire affatto i topos del genere, in loro c’è un tale lavoro sugli arrangiamenti e sulla composizione, sulle ricerche timbriche, sulla definizione di atmosfere sempre cangianti, tale da lasciare spesso senza fiato. Boiling Humiliations si regge su una drum machine sulla quale gli strumenti costruiscono un drammatico crescendo, chiuso dagli sparsi accordi di chitarra intenti a citare i God Machine (poi direttamente ripresi, più avanti, in una fedele cover della loro The Piano Song), Gridaohao fa guizzare la sua melodia nata dal dialogo violino, chitarra, basso, prima che un passaggio disumanizzante, evocante i ritmi alienanti di una fabbrica, facciano da ponte alle atmosfere notturne ed avvolgenti di Of Swift Flight, pezzo in origine degli Empirical Sleeping Consort. Song For Arch Stanton incalza minacciosa, fra sciabolate noise e un più circospetto finale graziato da un sax, la Soft City dei Bourbonese Qualk ha un passo wave, la bellissima title-track ingloba elementi folk, portati essenzialmente dal violino, in uno scenario marziale, mentre la chiusa è affidata ad una prepotente cavalcata ritmica, persa tra rifrazioni noise, intitolata Der Harbour. Gran disco, consigliato!

http://www.buscadero.com/


Raf, Kultur Terrorismus

Unzählige Bands diverser Genres treffen sich einmal pro Woche zum Proben, so auch die 4 Italiener von SPARKLE IN GREY, die immer Donnerstags zusammentreffen, um ihrer Leidenschaft nachzugehen und Frust zu bewältigen, dem sie auf “Thursday Evening” mittels modernem(?) New Wave “Luft” machen.

Auch letztere Arbeit “Mexico” (2011) erschien wie “Thursday Evening” über mehrere Labels, das SPARKLE IN GREY in verschiedenen Varianten über GREY SPARKLE (Italien), LIZARD (Italien), OLD BICYCLE RECORDS (Schweiz) & SHOW ME YOUR WOUNDS (Schweiz) herausbringen.

Wen treibt in Zeiten von Wirtschaftsrezession, Bankenkrise, Sozialabbau usw. nicht die Angst um, woraus oftmals großer Ärger resultiert, eine Begebenheit die auch auf ALBERTO CAROZZI, CRISTIANO LUPO, FRANZ KROSTOPOVIC & MATTEO UGGERI hinter SPARKLE IN GREY zu trifft, welche auf “Thursday Evening” getreu dem Motto “Keep Angry And Fight Back” ihren Emotionen freien Lauf lassen. Zum Ausdruck ihres Protestes liefern SPARKLE IN GREY zu “Thursday Evening” in einer ihrer 3 Editionen kleine von Hand bemalte Steine mit aus, wofür die geneigte Kundschaft eine Gebrauchsanleitung mitgeliefert bekommt.

Thursday Evening” von SPARKLE IN GREY offenbart keine Gewaltakustik, sondern modernen New Wave (Gitarre, Bass, Synthesizer, Schlagzeug) mit Einflüssen aus dem Jazz, dem Noise (Laptop, Effekte) wie der Klassik (Violine, Flöte), wodurch die Gesamtheit sehr anspruchsvoll/ komplex rüberkommt. Heißt, neben einigen Melodiebögen verbaute der italienische Vierer, den einige Gastmusiker unterstützten, auch verquaste Strukturen, weshalb sich “Thursday Evening” nicht (direkt) beim ersten Hördurchlauf komplett erschließt, das dem gehobenen Hörerkreis faktisch in die Hände spielt. Auf richtige Gesangslinien verzichteten SPARKLE IN GREY komplett,  die ausschließlich ausdrucksstarke Sprachsamples einarbeiteten, um ihre Message zu transportieren. Anspieltipp? Insgesamt ein durchweg mitnehmendes Album, das in Gänze überzeugt, weshalb die explizite Benennung entfällt.

Fazit:

SPARKLE IN GREY stehen für hochwertige Tonkunst mit Ausdruckskraft, das sie mit “Thursday Evening” eindrucksvoll untermauern, wo sie modern interpretierten New Wave zum Besten geben, der Eingängigkeit & Komplexität homogen miteinander vereint – meine absolute Empfehlung!

http://kulturterrorismus.de/rezensionen/sparkle-in-grey-thursday-evening.html


Andrea Skofic (no ©), Sands-Zine

Compratevi una fionda.

Prima considerazione: era difficile dare un seguito allo splendido “Mexico”.
Seconda considerazione: se “Thursday Evening” non rappresenta un passo avanti non rappresenta neppure un passo indietro, casomai si tratta di un passo a lato che lascia aperte numerose prospettive per il futuro.
Terza considerazione: “Mexico” era un disco più d'impatto, che s'imponeva già dal primo ascolto.
Quarta considerazione: “Thursday Evening” è meno vario del suo predecessore, è più compatto e meno immediato, e ha bisogno di più ascolti per essere apprezzato totalmente.
Quinta considerazione: “Thursday Evening” è un disco più vincolato alla new wave, da intendere in senso generico, ma si tratta comunque di una new wave dalle forti tinte exotiche, con influenze afro, latine, mediterranee, e perfino blues.
Sesta considerazione: tre cover, a fronte dell’unica presente in “Mexico” (From The Air di Laurie Anderson), contribuiscono a definire con maggiore oggettività le loro molteplici influenze, essendo carpite sia ai più noti The God Machine (The Piano Song) sia ai più oscuri Empirical Sleeping Consort e Bourbonese Qualk (Of Swift Flight e Soft City).
Settima considerazione: se uno degli obiettivi nel fare una cover è di invogliare all’ascolto dell’originale, gli SiG l’hanno pienamente raggiunto.
Ottava considerazione: in “Thursday Evening” c’è un aumento di quella tensione politico-sociale già presente in “Mexico”, pensate a Sunrising con la voce campionata di Salvatore Borsellino, che oggi quasi esplode fin da una copertina che potrebbe appartenere al Linton Kwesi Johnson degli esordi, poi nello slogan «siate massa» del retrocopertina, e nella circostanza che insieme al disco viene spedita una piccola pietra simbolica e inoffensiva…
…a meno che non abbiate una fionda.

Ps: esiste una versione “riot” del disco con poster, pietra dipinta da Matteo Uggeri e un brano segreto in aggiunta… Siete avvertiti.

http://www.sands-zine.com/recensioni.php


Maurizio Incingoli, The New Noise

Sono approdati al quarto album, gli Sparkle in Grey (l’ultimo, Mexico, aveva raccolto ottime impressioni e critiche alla sua uscita), ed hanno affinato tecnica e capacità espressiva. Lavorando di fino sulla classica materia (post) rock – ebbene sì, non siamo lontani da quei mai dimenticati lidi – riescono a rimaneggiarne il canone utilizzando i diversi linguaggi a loro disposizione. Si va dalla colonna sonora speziata (sensazione che nel disco aleggia più di una volta) e condita con abbondanti dosi di tremolo morriconiani (l’apertura vagamente à la Ronin di “Der Mauer”) a una serie di inaspettate cover: “Of Swift Flight” dei per me sconosciuti Empirical Sleeping Consort (non male, tra l’altro) e poi pezzi di God Machine (nientemeno…) e Bourbonese Qualk, con “Soft City” (quel giro di basso cavernoso e l’andamento dinoccolato della melodia comandata dal violino fanno centro). Le coordinate del gruppo di Carozzi/Lupo/Krostopovic/Uggeri (di quest’ultimo avrete già sentito parlare…) paiono spiazzanti, ma in fin dei conti tutto risulta piuttosto chiaro: forgiare al meglio la suite rock, enucleandone gli elementi più eterogenei, con l’ausilio di strumenti analogici e digitali, basti come esempio la travolgente chiusura di “Der Harbour”, che è tutto un complesso incedere jazzy-blues (pure vagamente “etnico”…) che per esempio i Tortoise avrebbero apprezzato alquanto. Una positiva conferma.

http://www.thenewnoise.it/sparkle-in-grey-thursday-evening/


Vittore Baroni, Rumore

Reagendo ai nostri tempi difficili, i cartooneschi personaggi che animano le copertine degli Sparkle in Grey si mostrano nel nuovo album particolarmente allarmati e arrabbiati. Più teso del solito anche il suono del quartetto lombardo, un colto e vibrante art-rock a cui il violino di Franz Krostopovic, in duetto con le chitarre di Alberto Carozzi, dona suggestioni prog e neo-classiche, ma che ha anche un cuore electro-glitch a cui attende il fondatore Matteo Uggeri.

Tra avvincenti partiture strumentali, come la rocciosa Der Mauer o i caroselli melodici di Boiling Humiliations e della title track, troviamo anche tre cover molto peculiari (da Empirical Sleeping Consort, God Machine e Bourbonese Qualk), quasi a congiungere tra loro in una mappa invisibile diverse realtà sommerse delle scorse decadi.

Al cd è allegato un sassolino, con l’invito per l’acquirente ad inventarne un uso e ricevere una traccia digitale in bonus.


Nicola Catalano e Ghighi di Paola, Battiti - Radio 3

“Gli sparkle in Grey si chiedono perché continuiamo a farlo provano a dare delle risposte alla loro maniera, in musica: un po' timida, un po' elusiva. Elegante."
(trasmessa Boiling Humiliations, 25 giugno 2013)

TANK OF DANZIG, What’s the Sense Of Life, da “Not Trendy” – Music a la Coque COQ-06
S.O.S. (JOHN SURMAN/MIKE OSBORNE/ALAN SKIDMORE), Country Dance, da “Looking For The Next One” – Cuneiform Records RUNE 360/361
FAT FREDDY’S DROP, Russia, da “Blackbird” – The Drop DRP019CDP
SPARKLE IN GREY, Boiling Humiliations, da “Thursday Evening” – Grey Sparkle GSCD007/Lizard LIZCD0093/Old Bicycle Records OBR010/Show Me Your Wounds LESION0012
FUNKWAGEN, Ebdomero, da “Italia NO! Contaminazioni No wave Italiana 1980-1985” – Spittle Records Spittle35LP
DIE FORM, No Kill, da “Italia NO! Contaminazioni No wave Italiana 1980-1985” – Spittle Records Spittle35LP
NOFUN, Mongolia, da “Italia NO! Contaminazioni No wave Italiana 1980-1985” – Spittle Records Spittle35LP
STATE OF ART, Scoop And Loop, da “Italia NO! Contaminazioni No wave Italiana 1980-1985” – Spittle Records Spittle35LP
LIMPE FUCHS, Butzemann Kommt Wieder, da “Kugel Haus Musik” – CD autoprodotto
ALESSANDRO OLLA/PAOLO SANNA, #19, da “Winter Landscapes” - Ticonzero TCZ 021-01
JEAN-LUC FAFCHAMPS, S2, da “YZ3Z2Z1S2, a Five-Letter Sufi Word” - Sub Rosa SR365
JEAN-LUC FAFCHAMPS, Back to the Sound, da “Back to...” - Sub Rosa SR353
ALESSANDRO OLLA/PAOLO SANNA, #22, da “Winter Landscapes” - Ticonzero TCZ 021-01
LIMPE FUCHS, Coda, da “Kugel Haus Musik” – CD autoprodotto


Guido Gambacorta, Blow Up

"Ancora una volta - questa sì l'ennesima certezza - un ottimo disco."


Gianluca Polverari, Ondarock

In ambito indie italiano, vivere di musica rimane una pura illusione con le bollette da pagare, e non solo, che si fanno sempre più salate man mano che si cresce, anche anagraficamente. Ciò non toglie però che esistano persone come gli Sparkle in Grey che fanno dell’arte musicale una grande passione da gestire nelle ore libere dai propri personali impieghi giornalieri, mantenendo viva una formazione che viene portata da anni avanti con esemplare professionalità.
La loro, infatti, è una musica fatta di sacrifici, come quella di caricarsi settimanalmente tutti gli strumenti sulle spalle e fare quattro piani a scale per raggiungere la sala prove (così almeno racconta il loro comunicato stampa, ndr), ma anche di grande cura nei dettagli del suono e dell’arrangiamento.

Inoltre, la loro espressione artistica è anche una forma di ribellione all’apatia governativa e sociale che è sempre più netta nei confronti della cultura. Dunque, i personaggi tratteggiati in copertina sono pronti ad assaltare con violenza per riprendersi ciò che costantemente viene tolto loro, anche a livello di sapere, un’arrabbiatura grafica che poi la band lombarda trasforma in musica proponendo un eccellente lavoro strumentale.
Qui sono presenti dilatati quanto vigorosi paesaggi post-rock con curate tessiture elettroniche che lasciano immaginare una fantasiosa convergenza tra le produzioni di etichette quali Constellation e Kranky, due esemplari label per quel che riguarda il viaggio fatto musica.

Le nove composizioni di questo ritorno presentano un gruppo tra i più lucidi nel far integrare chitarre effettate, sound digitale mai invasivo ma anzi degno tappeto per le incursioni di violini, trombe, violoncello che arricchiscono il suono, lasciando però anche ampia possibilità alla mente di vagare tra tutti i corridoi strumentali.
Gli Sparkle in Grey si cimentano anche in tre cover: lascia a bocca aperta la scelta di omaggiare i non troppo noti ma eccezionali inglesi, ormai defunti, Bourbonese Qualk (con “Soft City”), una scoperta necessaria per chi ancora li ignora. Vengono poi omaggiati ottimamente anche i mai dimenticati God Machine (“Piano Song”) e gli altrettanto oscuri e semi sconosciuti Empirical Sleeping Consort, con “Of Swift Flight”.

Con queste riproposte il gruppo evidenzia come non solo sia composto da ottimi musicisti ma anche da esperti ed eterogenei ascoltatori, elemento fondamentale quando si vuole creare qualcosa che si ispira a idee altrui per generarne a sua volta di nuove e del tutto personali.
E qui, di intuizioni, ce ne sono a bizzeffe.

http://www.ondarock.it/


Nicola Catalano e Ghighi di Paola, Battiti - Radio 3

“E' un gruppo che davvero si sta facendo apprezzare tanto. Un gruppo davvero interessante."
(trasmessa Of Swift Flight, 27 giugno 2013)

RIP RIG & PANIC, Knee Deep In Shit, da “God” – Cherry Red Records CDMRED 572
SPARKLE IN GREY, Of Swift Flight, da “Thursday Evening” – Grey Sparkle GSCD007/Lizard LIZCD0093/Old Bicycle Records OBR010/Show Me Your Wounds LESION0012
CARMEN VILLAIN, Made A Shell, da “Sleeper” – Smalltown Supersound STS238CD
S.O.S. (JOHN SURMAN/MIKE OSBORNE/ALAN SKIDMORE), The Mountain Road, da “Looking For The Next One” – Cuneiform Records RUNE 360/361
concerti & eventi
REMEMBERING ISIO. Una serata in ricordo di Isio Saba, Roma, 29 giugno 2013
ZITA SWOON GROUP, Sababu (The Reason), da “Wait For Me” – Crammed Discs craw 79
ZITA SWOON GROUP, Tasuma / JI (Fire / Water), da “Wait For Me” – Crammed Discs craw 79
ALESSANDRO BOSETTI, #1, da “African Feedback” – Errant Bodies Press
concerti & eventi
WALKING ON SOUNDSHINE 2013, Morlupo (RM), 30 giugno 2013
Intervista a Francesco Michi
MOP MOP, Jua Kiss + Let I Go, da “Isle Of Magic” – Agogo Records AR 029 CD
MAMUD BAND, Tangible Dream, da “Afro Future Funk” – Felmay fy 8200
BABA SISSOKO & DJELI MAH DAMBA KOROBA, Da Ntama, da “Baba et sa maman” – GoodfellasGF2724
PETRA HADEN, A Fistful Of Dollars Theme, da “Petra Goes To The Movies” – Anti-7219-2
DUKE ELLINGTON AND HIS ORCHESTRA, If I Were You, da “All American In Jazz” in “All American In Jazz + Midnight In Paris” – Essential Jazz Classics EJC55591
DUKE ELLINGTON, Speak To Me Of Love, da “Midnight In Paris” in “All American In Jazz +
DUKE ELLINGTON, Guitar Amour, da “Midnight In Paris” in “All American In Jazz + Midnight In Paris” – Essential Jazz Classics EJC55591
ALDO ROMANO NEW BLOOD, Conception, da “Plays ‘The Connection’” – Dreyfus Jazz FDM 46050 36 984 2
ALDO ROMANO NEW BLOOD, Theme For Sister Salvation, da “plays ‘The Connection’” – Dreyfus Jazz FDM 46050 36 984 2


Mariii, The Breakfast Jumpers

Thursday Evening è il nuovo album dei Sparkle in Grey uscito il due giugno di quest'anno, produzione italo-svizzera sostenuta da Lizard Records, Old Bicycle Records e Show Me Your Wounds. Pare che Alberto Carozzi, Cristiano Lupo, Franz Krostopovic e Matteo Uggeri ogni giovedì sera abbiano percorso chilometri e salito quattro rampe di scale con addosso tutta la strumentazione necessaria per raggiungere la sala prove e suonare fino a non essere esausti. Il risultato delle loro fatiche s'addensa con passione in questi nove brani. Emozioni vaporosamente condensate in un accurato connubio elettro acustico carico d'atmosfera. Immancabile presenza, per mia gioia, dei field recordings e della loro poetica intrinseca. Storie di un altrove, voci, cigolii e fruscii vari, tutto s'interseca con grazia a sviolinate e ritmo di tromba. S'insinuano tra le tracce anche tre cover: Of Swift Flight dei Empyrical Sleeping Consort,  Soft City dei Bourbonese Qualk e Piano Song dei God Machine. Non credo si celino intenti revivalistici in questa scelta, piuttosto come un manifesto artistico, si palesano ascolti creativi, ispirazioni indispensabili. Nulla è lasciato al caso.   Da ascoltare in un solo sorso, senza riprendere fiato, in silenzio e in profondità, meglio se con super cuffie isolanti. Molto bello.

http://breakfastjumpers.blogspot.it/2013/08/sparkle-in-grey-thursday-evening-2013.html


Jan Kees Helms, Muzikaal Verzet

De leden van de Italiaanse band Sparkle in Grey komen sinds 2005 elke donderdagavond in Milaan bijeen om te repeteren. Eerst een rit van 60 kilometer afleggen, om vervolgens de instrumenten en versterkers vier verdiepingen omhoog te slepen. Wat een inspanning om de stress van het dagelijkse werk achter zich te laten. Hun laatste album Thursday Evening is een ode aan die wekelijkse repetities.

Het titelnummer begint met een aantal zoekende tonen, melodieën en ritmes die rustig de muzikale horizon aftasten en zich steeds verder evolueren, terwijl ieder muzikant de ruimte krijgt om met zijn instrument het nummer kracht bij te zetten. En de leden van de band – Alberto Carozzi, Cristiano Lupo, Franz Krostopovic en Matteo Uggeri – weten hun instrumenten te bespelen. Een mix van folk en samples maken dit nummer tot één groot avontuur.

Thursday Evening is een waardige opvolger van Mexico, klinkt even volwassen en evenwichtig. Het avontuur tussen shoegaze, elektronische muziek en folk-invloeden is in stand gebleven en lijkt verder uitgewerkt. In The Piano Song wordt een ballade benaderd. De harmonie tussen piano, viool en bas wordt opengebroken c.q. getart door de subtiele field-recordings ergens ver op de achtergrond.

Dit instrumentale album wordt ingezet met het nummer Der Mauer, waarbij stuwende bas- en drumpartijen de afwisselende viool- en gitaarsolo’s op hypnotiserende wijze ondersteunen, wat zich in het volgende nummer voortzet en leidt tot een explosie van geluid. De gesampelde beats en geluiden vormen een verfrissend contrast met de haast traditionele bezetting en benadering van een post-rock band met folkinvloeden. De afwisseling tussen subtiel gespeelde nummers en uptempo composities geeft de luisteraar de gelegenheid om op verschillende manieren mee te gaan in de diverse muzikale werelden.

Thursday Evening is een mooi muzikaal avontuur waarbij muzikale grenzen worden afgebroken en dito werelden in elkaar overvloeien. De muziek past in die zin prima bij het artwork van het album en sommige samples, waarin wordt opgeroepen om te strijden voor een betere en schonere wereld. Dat kan alleen verwezenlijkt worden door traditionele en progressieve ideeën en uitgangspunten te mixen en het beste ervan eruit te filteren.

http://www.ravage-webzine.nl/2013/09/14/muzikaal-verzet/


Loris Gualdi, Music TNT

La concettualità di musica sperimentale non possiede confine ben definiti; le strutture sonore in grado di superare iI limite dell’ovvio vivono e sopravvivono nel circuito al di fuori del cosiddetto mainstream, in maniera coraggiosa e pura. Le note che esistono all’interno di questo habitat non sono sempre di facile impatto, ma chi ascolta questo genere di musica sa di vivere emotivamente al di fuori della banalità, portando con sé il rischio di intenti seminali e pallidi estremismi narrativi che, non di rado, ritroviamo in una rete informatica affollata di intenti musicali non sempre eccelsi. Quindi, se avete idea di affrontare il mondo degli Sparkle in Grey sappiate che la porta che andrete ad aprire si trova esattamente tra il post-indie-rock e lo sperimental jazz.

La caratteristica profondità evocativa della band è inizialmente dettata dal basso di Der Mauer che, sin dalle prime battute, appare elemento fondante di una metrica narrativa composita e arguta. Mentre il laptop di Matteo Uggeri pone risalto all’aurea mediterranea della chitarra, qui improntata su andamento post rock, l’incontro sonoro tra il violino e le docili pelli di Riva giunge ad anticipare un intreccio armonico pronto a raccoglie spezie sonore in modalità fortemente trasversale, attraverso riff ed intuizioni vicine al mondo libero del free, sensibilmente intercalato su sapore alt.

Una mescolanza di melanconia e destabilizzazione ben metaforizzata sia dall’ indecisa rabbia espressa in cover art, sia dal desolante sampler di Boiling Umiliation, probabilmente annoverabile tra le migliori tracce dell’album. L’uso nereggiante delle corde ci avvolge in una finzione narrativa che sembra voler nascondere la mancanza di quiete e regolarità, proprio come dimostrano le note replicanti e i piccoli accenni noise che fungono da interessante struttura narrativa. L’animo solido che si cela dietro allo sguardo impaurito dell’inlay ben si abbraccia al climax sonoro non troppo distante dagli intenti espressivi di quel “dio astronauta”, che ha spesso definito evoluzioni emozionali piacevolmente ciclotimiche. La perfetta chiusura ci dischiude al turbamento di Of Swift flight e Gridaohao, atto visionario in grado di esprimere un accostamento tra sperimentazione controllata e direzioni di più facile lettura.

L’oscurità dark di Soft city si lega poi al frastagliato continuum narrativo, attraverso la lunga espressione sonora della titletrack, in cui si possono ritrovare tout court gli aspetti compositivi del quartetto allargato, pronto a dimenticare sensazioni orientaleggianti, per ritrovarsi tra le note dei God Machine nella superlativa rivisitazione di Piano song, che rimesta stilemi art-rock in perfetta linea con le considerazioni neo classiche, pronte a lanciarsi in un disco in grado di non dimenticare fibre new wave rivisitate all’ombra di un contenitore sociale tanto decadente quanto stimolante.

http://www.music-on-tnt.com/recensioni/articolo.php?id_articolo=1371


Daniele Santagiuliana, Sounds Behind the Corner

La Show Me Your Wounds e la Old Bycicle sono due tra le più singolari label dello stivale: la cura in ciò che fanno é certosina, e di certo l'orecchio fine non gli manca, così come l'apertura mentale (spaziando dal post-industrial di marca TOPY all'ambient purissimo fino alle convulsioni da scarica elettrica di un Uncodified deliziosamente power-noise).

Così, quando decidono di dare una chance agli Sparkle In Grey, ci si incuriosisce subito... perché non rientra in nessuna di queste categorie, apparentemente, eppure, la forma libera che il gruppo regala al proprio ‘giovedì sera’ nei nove brani che compongono l'album, contiene anch'essa tutte queste suggestioni e derive.

Tecnicamente, dovendo etichettare per forza di cose il prodotto, si dovrà parlare di una sorta di ‘post-rock’, etichetta che andava molto pensando a band come Mogwai o simili, ma qui la cosa è differente, gli Sparkle In grey hanno sorpassato tale fase, ed hanno assorbito ogni possibile tecnica od influenza a loro utile per raggiungere lo scopo di esprimere esattamente ciò che provano... e la musica diviene così un piccolo ma coinvolgente maelstrom di emozioni, dove gli angoli cambiano luce, colore, dove la nostra visione non sempre sarà a fuoco, perché il mood del disco non é decisamente solare, anzi, più che post rock, é una sorta di mutazione grintosa delle migliori intuizioni della musica dark, no wave e new wave (due movimenti in antitesi che qui trovano un felice connubio tra disturbo, agitazione e melodia), e molto, moltissimo altro, che descrivere per esteso pare quasi impossibile tanti sono gli input e le idee che arrivano "In Your Face".

La produzione è davvero ben realizzata a livello sonoro, ma, essendo un disco strumentale, questo risulta essere una sorta di arma a doppio taglio per chi si aspetterà il ‘compromesso’, o l'addolcimento delle textures per lasciare spazio ad una ipotetica voce del frontman.

Gli Sparkles non ne hanno bisogno e non vogliono lasciarvi prendere fiato, ben venga dunque l'eliminazione del vocalist in cambio di giri di basso esaltanti, refrain in continuo mutamento, di una ipnosi che cattura il gruppo, e risucchia anche voi.

http://www.soundsbehindthecorner.org/the-grave/1276-sparkle-in-grey-qthursday-eveningq.html


Nicola Catalano e Ghighi di Paola, Battiti - Radio 3

“..."
(trasmessa Der Mauer, 3 agosto 2013)

TETUAN, Welcome To, da “Qayin” - Only Fucking Noise/Brigadisco BRG045
PAOLO SPACCAMONTI, Carapace, da “Frammenti/Stand Behind the Men Behind the Wire” - Brigadisco BRG/044/Escape from Today EFT056
STEFANO PILIA, Stand Behind the Men Behind the Wire, da “Frammenti/Stand Behind the Men Behind the Wire” - Brigadisco BRG/044/Escape from Today EFT056
IL SOGNO DEL MARINAIO, Joyfuzz, da “La busta gialla” - Clenchedwrench CLENCHED003
ALMAGEST!, Eva, da “Messier Objects” - Tourette 034
ALMAGEST!, White Rabbit, da “Messier Objects” - Tourette 034
(r), Sister Morphine, da “Drama Queen” - Tin Angel Records TAR021
SPARKLE IN GREY, Der Mauer, da “Thursday Evening” - Grey Sparkle GSCD007/Lizard LIZCD0093/Old Bicycle Records OBR010/Show Me Your Wounds LESION0012
THE MODERN MODEL, (The) Days On, da “Italia NO! Contaminazioni No Wave Italiane 1980-1985” - Spittle 35
DIE FORM, No Kill, da “Italia NO! Contaminazioni No Wave Italiane 1980-1985” - Spittle 35
CONFUSIONAL QUARTET, Futurfunk, da “Confusional Quartet” - Hell Yah Recordings HYR 7111D
SALAH ADDIN ROBERTO RE DAVID, VII, da “Storie scritte sulla sabbia” - Piccola Bottega Popolare PBP005
GIANFRANCO GRILLI, Arrival at Dakhla Oasis, da “Ancient Roads” - Mons Avium 01201
FABIO PERLETTA, Field: Atom(s) Entropy, da “Field: Atom(s) Entropy” - Farmacia901 CS01
KAEBA, X3, da “Ianurek 5.0 x 100” - Farmacia901 F90105






Soundcloud
Grey Sparkle


Bandcamp
Sparkle in Grey


Bandcamp
Matteo Uggeri


Facebook
Matteo Uggeri


Facebook
Sparkle in Grey


YouTube
Grey Sparkle


Vimeo
Matteogeri


Moriremo Tutti Records